«

»

Feb
27

Trasporti marittimi: Generazione Attiva fa condannare Alilauro e Medmar (170mila Euro)

Le due aziende operanti nel golfo di Napoli sono state risconosciute responsabili di pratiche commerciali scorrette ai danni dei residenti e sanzionate per un totale di 170mila Euro.

Nell’Aprile del 2010 l’Associazione nazionale in difesa dei Consumatori Generazione Attiva inviava una denuncia all’Antitrust per segnalare il comportamento a suo avviso scorretto operato dalle compagnie private di trasporto marittimo Alilauro e Medmar operanti nel golfo di Napoli per quanto riguarda il trattamento da queste riservato ai passeggeri residenti (già documentato con un post del 2008).

E’ notizia di oggi la multa da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, che, facendo proprie le tesi di Generazione Attiva, contesta la discriminazione operata nei riguardi dei consumatori residenti sulle isole con riferimento all’offerta di biglietti con tariffa residente nel periodo di maggiore afflusso turistico (aprile-ottobre di ogni anno).

L’Autorità ha infatti appurato come a questi non sia stato (e non sia tuttora) consentito prenotare/acquistare i biglietti in anticipo se non a partire da un’ora prima dell’orario previsto per la corsa di interesse, mentre tale limitazione non sussiste per l’acquisto dei biglietti da parte degli altri passeggeri al prezzo ordinario, che risulta circa 3 volte superiore a quello applicato ai residenti.

Inoltre sui rispettivi siti internet sia Alilauro che Medmar consentivano e ancora oggi consentono la prenotazione soltanto ai consumatori non residenti con l’acquisto del biglietto alla tariffa ordinaria.

Ciò secondo il Garante della Concorrenza rappresenta una pratica commerciale scorretta ai sensi degli articoli 20, 24 e 24 del Codice del Consumo in quanto la mancata previsione, anche nel sito internet, di una procedura di prenotazione/acquisto per i residenti di biglietti a tariffa agevolata condiziona indebitamente la libertà di scelta e il comportamento economico di questi consumatori e configura un ostacolo oneroso e ingiustificato all’esercizio di una loro specifica prerogativa tariffaria; sia Alilauro che Medmar infatti non consentono ai residenti di acquistare i biglietti alla tariffa loro riservata se non recandosi presso le biglietterie delle rispettive società e comunque non prima di un’ora dalla partenza. Ciò rappresentea una violazione del Codice del Consumo proprio in ragione
delle diverse modalità di offerta per i non residenti, i residenti potrebbero non trovare più la disponibilità di posti (biglietti) per la tratta di interesse alle tariffe agevolate previste dagli oneri di servizio pubblico (OSP) in capo sia a Medmar che ad Alilauro.

Alilauro inoltre per ogni acquisto effettuato on line ha per lungo tempo (cambiando atteggiamento in fase istruttoria) addebitato al termine del processo di prenotazione un onere aggiuntivo pari a 3 euro quale diritto di prenotazione, costo aggiuntivo rispetto al prezzo indicato all’inizio della procedura, che veniva reso noto solo successivamente alla selezione della tratta scelta dal consumatore. Così facendo, secondo il Garante, Alilauro non ha fornito ai consumatori un’immediata, chiara e semplice indicazione della presenza, entità e natura di un onere aggiuntivo (il diritto di prenotazione) ed economicamente apprezzabile (3 euro) rispetto al prezzo del biglietto inizialmente proposto al consumatore, che si viene ad aggiungere, al termine del processo di prenotazione on line, al prezzo di tutti i biglietti offerti dal vettore per le tratte servite.

Tale pratica risulta scorretta ai sensi degli articoli 20, 21 e 22 del Codice del consumo in quanto non é stata fornita ai consumatori, all’inizio della procedura di prenotazione, un’adeguata e completa informazione sull’importo delle tariffe applicate dall’azienda, comprensive di tutte le tasse, i diritti e i supplementi conosciuti e inevitabili.

L’Antitrust ha valutato ha quindi sanzionato le due compagnie per un totale di 170mila Euro cosi suddivisi:

–          100mila euro per Alilauro (che come da bilancio del 2010 ha incassato ricavi da vendite e prestazioni per circa 4,5 milioni di euro) in ragione delle due diverse pratiche contestate;

–           70mila Euro per Medmar (che può vantare, come si rileva dal bilancio 2010, ricavi da vendite e prestazioni per oltre 22 milioni di euro ) ordinando inoltre la cessazione immediata di tali discriminazioni nei confronti dei residenti delle isole.

Generazione Attiva, autrice dell’esposto che ha portato alla salata multa nei confronti degli armatori, per il tramite del suo presidente Andrea D’Ambra si felicita di questa grande vittoria a favore dei consumatori-residenti isolani, e plaude all’intervento del Garante, augurandosi che tali pratiche cessino immediatamente.

L’Associazione inoltre continua a seguire da vicino l’altra istruttoria aperta dall’Antitrust in seguito alla denuncia congiunta insieme al Movimento Cinque Stelle dell’Isola d’Ischia per sospetto abuso di posizione dominante da parte di Alilauro in seguito all’aumento del biglietto residente a 7 Euro, per la quale l’armatore rischia una multa molto piu’ salata.

I PROVVEDIMENTI DEL GARANTE:

ALILAURO

MEDMAR

3 comments

3 pings

  1. nicola lamonica says:

    un tempestivo e puntuale intervento dell’Ass. Generazione Attiva fa giustizia di tanta espressa arroganza aziendale e dà speranza agli utenti perchè il fututo veda la Regione Campania sollecita alle segnalazioni di abuso che pure le arrivano e che non trovano purtroppo il dovuto riscontro istituzionale. Un grazie di cuore dall’Ass. Autmare e mio personale all’amico Andrea D’Ambra, animatore dell’esposto al Garante.

  2. adambra says:

    Fatevi due risate! A leggere le memorie difensive di Alilauro e Medmar davanti all’Antitrust per evitare la multa per la prima sugli aliscafi Alilauro durante la stagione estiva ci sono sempre posti liberi ed entrambe le compagnie n avrebbero mai ricevuto contestazioni scritte (per ogni contestazione è prevista una multa di 500 Euro) :-)

    ALILAURO

    Non sarebbe invece stata prevista la possibilità di prenotare i biglietti a tariffa agevolata perché le imbarcazioni della compagnia – aventi una portata media passeggeri pari a circa 400 persone – NON VIAGGIANO, SALVO RARISSIME ECCEZIONI, A PIENO CARICO. Di conseguenza, i residenti avrebbero sempre la possibilità di viaggiare alle vantaggiose condizioni previste dagli OSP.
    In particolare, Alilauro segnala che gli OSP applicabili le impongono di rendere disponibili 80 posti passeggeri per i residenti, fino ad esaurimento e fino a 10 minuti prima della partenza, mentre non esisterebbe alcun obbligo nel senso di consentire la prenotazione di tali biglietti a tariffa agevolata. Tale circostanza assumerebbe maggior rilievo ove si consideri che la delibera n.
    488/2006 e la precedente n. 281/2006 prevedevano invece la possibilità di prenotazione a favore dei residenti nell’ambito di una specifica iniziativa denominata “tariffa integrata terra-mare”. Inoltre, tale obbligo è espressamente sanzionato, dal momento che è prevista una penale pari a 500€ per ogni contestazione scritta relativa alla sua mancata osservanza. LA COMPAGNIA NON AVREBBE MAI RICEVUTO CONTESTAZIONI SCRITTE.

    MEDMAR

    In particolare, Medmar segnala che gli OSP applicabili le impongono di rendere disponibili 80 posti passeggeri per i residenti, fino ad esaurimento e fino a 10 minuti prima della partenza, mentre non esisterebbe alcun obbligo nel senso di consentire la prenotazione di tali biglietti a tariffa agevolata. Tale circostanza assumerebbe maggior rilievo ove si consideri che la delibera della Giunta Regionale n. 488/06 e la precedente n. 281/06 prevedevano invece la possibilità di prenotazione a favore dei residenti nell’ambito di una specifica iniziativa denominata “tariffa integrata terra-mare”. Inoltre, tale obbligo è espressamente sanzionato, dal momento che è prevista una penale pari a 500€ per ogni contestazione scritta relativa alla sua mancata osservanza. LA COMPAGNIA NON AVREBBE MAI RICEVUTO CONTESTAZIONI SCRITTE.

    Bollettino AGCM n.6 del 27 febbraio 2012: Pagg- 122-140

  3. Ferdinando B. says:

    veramente io ed altri siamo sempre saliti senza grossi problemi, ed altro che ottanta posti, eravamo tutti residenti?

  1. TRASPORTI MARITTIMI: GRAZIE A GENERAZIONE ATTIVA ORA ANCHE I RESIDENTI POSSONO PRENOTARE ON-LINE! | IL BLOG DI ANDREA D'AMBRA says:

    […] meno di due mesi fa Generazione Attiva dava notizia della maxi-multa per un totale di 170mila Euro comminata dall'Antitrust in seguito alla denuncia dell'Associazione […]

  2. La mia candidatura alle elezioni europee con il M5S | IL BLOG DI ANDREA D'AMBRA says:

    […] A livello locale, tante le battaglie portate avanti. Su uno dei temi più caldi,i trasporti marittimi, sono intervenuto più volte in difesa degli abitanti delle isole del golfo, quotidianamente vessati facendo condannare dall’Antitrust gli armatori privati autori di pratiche scorrette e obbligandoli a consentire anche ai residenti la possibilità di acquistare il biglietto on-line). […]

  3. Want it, do it! | IL BLOG DI ANDREA D'AMBRA says:

    […] la denuncia all’Antitrust del Dicembre scorso, per evitare la maxi-multa inflitta ad Alilauro e Medmar per la stessa infrazione, Caremar apre anche ai residenti l’acquisto dei biglietti on-line inizialmente previsto solo […]

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>