Replica alle menzogne sul M5S diffuse (ad arte?) da Arte (Populisme, l’Europe en danger)

La mia lettera al canale televisivo franco-tedesco ARTE in seguito alla diffusione del documentario “Populisme, l’Europe en danger“, realizzato da Antoine Vitkine, zeppo di menzogne sul Movimento 5 Stelle.

Bonjour,
Je vous écris au sujet du documentaire “Populisme, l’Europe en danger” réalisé par Monsieur Antoine Vitkine et notamment sur la première partie qui concerne le Mouvement 5 étoiles. Fidèle spectateur de la chaine, je connais le sérieux et la qualité des programmes diffusés par Arte.
J’ai donc été d’autant plus choqué en constatant le choix d’avoir mis le mouvement 5 étoiles dans le même panier que des mouvement d’extreme droite européens comme le FN, ce qui donne déjà une indication de la mauvaise foi de l’auteur (toute personne bien informée sait la distance qui sépare Beppe Grillo et ses idées de celles de Marine Le Pen, Wilders & co). Grillo lui même l’a dit et souligné plusieurs fois et une énième preuve sera donnée au parlement européen où le M5S ne fera aucune alliance avec de tels partis.

En regardant le documentaire , ensuite, difficile de ne pas s’insurger devant le concentré de mensonges qui y sont répétés. En voici quelques exemples:

- “un danger pour la démocratie” FAUX: le M5S est un mouvement hyper-démocratique, la démocratie en est la valeur fondamentale qui caractérise chaque décision du mouvement. Il est pour le respect des résultats aux référendums, régulièrement piétinés par les partis politiques (financements des partis, nucléaire, eau publique etc.) et pour l’instauration d’un referendum propositif, comme en Suisse.
En quoi cela représente un danger pour la démocratie et quel est le concept de “démocratie” de M. Viktine?

- ” un casting revu et corrigé par Grilllo” (en référence au choix des candidats aux élections). FAUX: les candidats ont été choisis par les internautes (contrairement à ce qui arrive dans les autres partis) et Grillo n’a eu aucune influence, la preuve en sont les quelques parlementaires qui sont sortis du M5S. (S’il y avait mis ses proches, comme le font les autres partis, il n’y aurait eu aucune défection).

- “les parlementaires ont interdiction de parler à la presse, ils sont muselés, expulsés pour avoir parlé à la télé”. FAUX: j’en veux pour preuve les centaines d’interviews et participations à des émissions de télévision dont internet déborde. La seule interdiction concerne la participation aux “talk-shows” à l’italienne, émissions où les politiques s’invectivent mutuellement pour faire le show mais qui n’abordent pas les problèmes de fond et ne servent qu’à confondre le téléspectateur, à l’aide de journalistes complaisants.

-“Seul but: bloquer les institutions, combattre toute initiative des autres partis”: FAUX. Les institutions n’ont jamais était aussi vivantes que depuis l’entrée du M5S au parlement. Ceux qui ont essayé de les bloquer ont été les partis qui, dès le résultat électoral, ont empêché la constitution de commissions parlementaires prétextant des difficultés à former un gouvernement (or l’Italie étant une démocratie parlementaire, aucun lien existe entre les deux).
De plus le M5S ne rejette pas par principe les initiatives/propositions des autres partis mais vote au cas par cas en fonction du bien fondé de ces dernières, qu’elles proviennent d’un parti ou d’un autre . Un exemple: la proposition “Giachetti” (du nom du député du Parti Démocrate, le PD) pour une nouvelle loi électorale. Si le PD a initialement soutenu la proposition de loi de son député, à peine le M5S s’est-il prononcé en faveur de celle-ci que le PD a retiré son soutien à cette proposition et à son propre député. Elle a finalement été votée par le M5S et Mr Giachetti. .

-“Des parlementaires impuissants, absence de résultats”: FAUX. Tellement impuissants que chaque semaine ils obtiennent des résultats concrets malgré leur statut d’opposition. Quelques exemples: la déchéance d’un certain Silvio Berlusconi du sénat, la démission de ministres/secrétaires d’état visés par des scandales (entre autres Josefa Idem); la lumière sur l’enlèvement Shalabayeva; La renonciation à 42 millions d’euros de financement public, le remboursement de l’excédent de leur salaire en faveur d’un fond de soutien aux TPE; l’exclusion des dépenses pour la lutte contre la dégradation hydrogéologique des limites imposées par le pacte budgétaire européen; la résiliation des baux à prix d’or pour les institutions… et la liste est longue.

-”Fascisme 2.0″: qualifier ce à quoi on n’adhère pas de “fasciste” en plus d’être insultant c’est le dernier recours de ceux qui n’ont aucun argument concret et qui veulent mettre fin au débat.

Si Mr Viktine avait l’occasion de vivre en Italie, il comprendrait peut être la réalité à laquelle sont confrontés les italiens, victimes de cette même classe politique depuis des décennies

Dans l’espoir que vous voudrez bien intégrer ces élément/droit de réponse dans la page web ou vous avez publié la vidéo du documentaire, ainsi qu’à l’intérieur de celui-ci (une rediffusion est prévue pour mercredi 16.04)

Je vous remercie et reste en attente d’une réponse de votre part

Andrea D’AMBRA

Pour en savoir plus: M5S POUR LES NULS

Posted in informazione, politica | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment

Trenitalia e gli stratagemmi per negare i rimborsi

Troppo spesso sentiamo, con il ritornello Ce lo chiede l’Europa chiamare in causa l’Europa, a torto, soprattutto quando si deve cercare un capro espiatorio per giustificare decisioni impopolari e assurde.

Quando invece c’è da applicare o recepire norme europee che danno più diritti ai cittadini (si, ce ne sono) allora i nostri politici dimenticano quel ritornello e si girano dall’altra parte (non a caso l’Italia è il paese con il maggior numero di procedure d’infrazione aperte)

Un esempio pratico può aiutare a capire come ciò abbia delle ripercussioni sulla nostra vita di tutti i giorni. Il Regolamento Europeo 1371/2007 definisce i diritti per i passeggeri ferroviari dell’Unione Europea, i doveri delle compagnie ferroviarie (informazione, qualità del servizio, assistenza a persone con disabilità) e precisa la percentuale di rimborso a cui ha diritto il passeggero in caso di ritardo (25% tra i 60 e 119 minuti, 50% oltre i 120 minuti).

A più di quattro anni dalla sua entrata in vigore (avvenuta il 3 dicembre 2009) Trenitalia lo ignora in modo palese (e questo potrebbe sicuramente essere materiale interessante per l’istruttoria aperta recentemente dall’Antitrust). Se infatti vi sarà capitato di subire un ritardo superiore ad un’ora e avrete provato, all’arrivo in stazione a chiedere il modulo per il rimborso, avrete avuto modo di apprendere che fare domanda non è possibile, se non dopo trenta giorni dall’avvenuto ritardo. Peccato che il Regolamento 1371 non faccia alcun riferimento temporale in tal senso e che questo abbia tutta l’aria di uno stratagemma creato ad arte per far diminuire considerevolmente il numero di richieste di rimborso (quanti ricorderanno di fare domanda, a distanza di più di un mese?)

Inutile dire che all’estero (ad esempio in Francia) in caso di ritardo (già di soli 30 minuti) sia il personale di stazione a venirvi incontro sul binario per darvi il modulo per fare domanda… Sembra parlare di un altro pianeta!

Ma le “trovate” di Trenitalia non finiscono qui. Se la perseveranza è una delle vostre qualità e aspettate il 31° giorno ci sono forti possibilità che la vostra richiesta venga nuovamente rifiutata. Questa volta perché “il vostro biglietto non prevede la possibilità di ottenere bonus“. Tradotto: su determinate tariffe la compagnia si arroga la facoltà di non riconoscere il diritto al rimborso (previsto invece dal Regolamento Europeo).

E immagino che a questo punto anche il più tenace si arrenda e lasci perdere. O forse no: davanti a questa grave vessazione nei confronti dei consumatori ho deciso di andare fino in fondo. Ho scritto a Bruxelles, che mi ha confermato come il regolamento non prevedesse le “clausole” previste da Trenitalia. Il passo successivo: contattare l’Autorità nazionale che dovrebbe sanzionare le violazioni al Regolamento. Ma… qui il “ce lo chiede l’Europa” non vale e i nostri governanti non hanno ancora avuto il tempo di individuare tale Autorità (e per questo la Commissione Europea ha deferito il nostro paese davanti alla Corte di Giustizia)

Ma chi mi conosce dall’epoca dei costi di ricarica sa che non mi arrendo facilmente. Dopo un pilatesco scaricabarile fra Ministero dei Trasporti (“non siamo noi, ora c’è l’Autorità dei Trasporti“) e la neonata Autorità (“siamo appena nati, non abbiamo ancora le competenze, contattate il Ministero“) quest’ultimo, dopo diverse segnalazioni alla Commissione Europea, è tornato sui suoi passi e ha chiesto (quasi controvoglia) spiegazioni a Trenitalia.

Risultato? La compagnia ferroviaria fa dietrofront, si scusa e definisce l’accaduto “un errore dell’addetto alla pratica” proponendomi un bonus di 20 euro oltre al rimborso integrale del biglietto. Briciole in confronto all’ammontare di tutti i rimborsi negati finora perché non erano trascorsi 30 giorni o per gli “errori degli addetti”.

Morale della storia: chi la dura la vince (anche se non dovrebbe essere un cittadino a doversi sostituire alle autorità)

Dal mio blog sul Fatto Quotidiano

Posted in antitrust, consumatori, europa | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 3 Comments

VIAGGI: Alto Adige e Val d’Ega

Viaggi – alla scoperta dell’Alto Adige: la Val D’Ega
Ad appena 20 minuti da Bolzano, tra il Massiccio del Catinaccio/Rosengarten e quello del Latemar c’è la Val d’Ega (Eggenthal): l’area escursionistica più estesa di tutto l’Alto Adige/Sud Tirol.

Ricca di piccoli villaggi fuori dal tempo, borghi isolati e vecchie case contadine la Val D’Ega è meta di escursioni estive con i suoi paesaggi dove spiccano fiori, e prati verdi, e invernali quando tutto si tinge di bianco. Ai piedi del Catinaccio c’è Carezza, rinomata località turistica e zona sciistica che ospita il famoso lago, una delle mete più frequentate dell’Alto Adige.

Tra i comprensori sciistici più soleggiati dell’Alto Adige (ben 8 ore al giorno di sole in media d’inverno) e i suoi 40 km di piste Carezza è particolarmente adatta alle famiglie, con piste facili per bambini o chi è alle prime armi e piste nere per i più esperti.

Insieme ad Obereggen, altra importante area sciistica del comprensorio Dolomiti Superski (il più grande carosello sciistico del mondo) la zona offre 88 km di piste da sci e 100 km di piste da fondo.  Inoltre per chi non è appassionato di sci vi sono tante alternative come i sentieri per racchette da neve e piste da slittino.

Una neve record ha imbiancato la Val d’Ega e tutto l’Alto Adige/Sud Tirol quest’inverno, ben due metri di coltre bianca che non hanno fermato l’attività turistica grazie alla perfetta organizzazione e pulizia delle strade con gli spazzaneve e spargisale che facevano la spola in continuazione per permettere a turisti e residenti di poter continuare le loro attività come se niente fosse.

Ma la Val d’Ega non è solo natura o piste da sci. A 1500 metri d’altezza, tra i paesi di Nova Ponente e Monte San Pietro, nell’affascinante paesaggio delle Dolomiti, patrimonio mondiale dell’Unesco, domina imponente la valle il bellissimo Santuario della Madonna di Pietralba. Fondato nel 1553, è il luogo di pellegrinaggio più importante di tutto l’Alto Adige, tra i suoi pellegrini più noti vi sono ben due Papi: Albino Luciani e Giovanni Paolo II.

Turismo sostenibile ed eco-compatibile

Parte della rete “Alpine Pearls” (consorzio che fa delle vacanze sostenibili la propria ragion d’essere) Obereggen pone grande attenzione al rispetto verso l’ambiente alpino. Un esempio importante di tale attenzione è dato dal nuovo impianto di teleriscaldamento costruito nell’estate del 2007 per servire l’intera località.

Tutti gli alberghi di Obereggen, sono ora collegati a questa nuova rete di teleriscaldamento che ha di fatto ridotto drasticamente le emissioni di CO2 nell’ambiente e fatto risparmiare 500.000 litri di gasolio (con conseguente riduzione di traffico su gomma, prima necessario per il rifornimento).

Il nuovo combustibile è rappresentato da scarti di legname, forniti direttamente dall’industria del legno e dalle economie agricolo-forestali locali, trasformando uno scarto in risorsa rinnovabile.

La centrale, grazie a speciali filtri e ad un impianto di condensazione, è in grado di ridurre l’emissione del gas di combustione fino ad un massimo di 20 mg di polveri sottili per metro cubo d’aria, molto al di sotto dei limiti consentiti dalla legge.

Per questi motivi, Obereggen può essere senz’altro definita una località turistica sostenibile e a scarso impatto ambientale, parte del patrimonio mondiale delle Dolomiti che contribuisce attivamente al mantenimento e salvaguardia della natura.

Che sia d’inverno o d’estate quello che resta sono i panorami naturali mozzafiato e la natura incontaminata che non vi lasceranno indifferenti. Aggiungeteci anche il sole, presente 300 giorni l’anno e difficilmente potrete resistere dal visitare dei posti così unici.

CURIOSITA’: Oltre ad Agatha ChristieWinston Churchill, anche la principessa Sissi ha vissuto il fascino dei colori del Catinaccio.

DOVE ALLOGGIARE: Hotel Moseralm, ai piedi del Catinaccio si trova in un’oasi di pace circondato da piste di sci di fondo e impianti di risalita.

DA ASSAGGIARE: I tradizionali Canederli, il delizioso Kaiserschmarrn (dolce dell’imperatore), le gustose mele, il fresco latte dei masi di montagna (rigorosamente senza OGM) senza dimenticare lo speck.

GUARDA TUTTE LE FOTO DELLA VAL D’EGA IN ALTO ADIGE/SUD TIROL

Posted in viaggi | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

La mia candidatura alle elezioni europee con il M5S

CURRICULUM VITAE

Nato e cresciuto sull’Isola d’Ischia, sono un Attivista “della prima ora”.

Nel 2005 ho aperto il Meetup degli Amici di Grillo dell’Isola d’Ischia.

Nel 2006 ho dato il via alla petizione per l’abolizione dei costi di ricarica , indirizzata alla Commissione Europea, che in pochi mesi raggiunge quota 820mila firme on-line (senza l’aiuto dei “social network”) ottenendo l’abolizione di quelli che oggi sono solo un brutto ricordo e rappresentavano un’anomalia tutta italiana (facendo risparmiare agli italiani 2 miliardi di euro l’anno.

Nel 2007 fondo l’Associazione dei Consumatori “Generazione Attiva”. In tale veste ho denunciato all’Antitrust le innumerevoli pratiche scorrette e/o pubblicità ingannevoli che quotidianamente molestano i consumatori, ottenendo numerose sanzioni per un totale di diverse centinaia di migliaia di euro. Mi sono tra l’altro fatto promotore di un appello, recepito dall’allora presidente Catricalà, affinché le multe per questo tipo di pratiche venissero inasprite e calcolate in base al fatturato delle aziende.

Nel 2008 sono stato candidato a sindaco per il Comune di Forio (Isola d’Ischia) con la lista civica “Amici di Grillo per Forio

L’Europa mi ha sempre appassionato: non è un caso se sul mio blog (che finisce per “.EU”) scrivo principalmente di questioni europee.

E’ per questo che sin da giovanissimo ho scelto degli studi universitari, che includendo corsi di Diritto dell’Unione Europea, mi permettessero di specializzarmi in questa materia. Il mio interesse per ciò che accade a Bruxelles è andato crescendo lungo tutto il mio cursus accademico, sensibilizzandomi ai problemi con un’ottica europea e portandomi a scegliere tale materia per la stesura della tesi di laurea, con un tema che univa Europa e diritti dei cittadini (il procedimento europeo per le controversie di modesta entità)

La conoscenza approfondita del funzionamento delle Istituzioni Europee mi ha portato negli anni a farmi promotore di numerose denunce alla Commissione Europea che hanno avuto come risultato l’apertura di diverse procedure d’infrazione e richieste di chiarimenti all’Italia e che hanno obbligato il nostro paese a conformarsi alle norme europee. Solo per citare alcuni esempi: sicurezza delle navi passeggeri nel golfo di Napoli, inquinamento marino in zone protette, libertà di circolazione per i cittadini all’interno dell’UE, e molti altri).

A livello locale, tante le battaglie portate avanti. Su uno dei temi più caldi,i trasporti marittimi, sono intervenuto più volte in difesa degli abitanti delle isole del golfo, quotidianamente vessati facendo condannare dall’Antitrust gli armatori privati autori di pratiche scorrette e obbligandoli a consentire anche ai residenti la possibilità di acquistare il biglietto on-line).

Nel 2006 sono stato onorato del premio “Isolano dell’anno” assegnato dal quotidiano dell’Isola d’Ischia ”Il Golfo”.

Amo le lingue, sono bilingue francese e ho un livello di inglese che mi ha permesso di essere ammesso a studi post-laurea di interpretazione.

DICHIARAZIONE DI INTENTI

Ho deciso di candidarmi per fornire il mio contributo, iniziato sul campo con gli “Amici di Grillo dell’Isola d’Ischia” e poi “Movimento Cinque Stelle” nel lontano 2005.

Ho intenzione di unire le mie conoscenze approfondite di come funziona l’Europa e le sue istituzioni con le capacità e competenze della rete per portare al Parlamento Europeo le nostre idee e le nostre battaglie.

Ho viaggiato molto in Europa e vissuto per molti anni in Francia e ciò mi ha permesso di vedere la nostra realtà da una prospettiva diversa per poter prendere spunti positivi ed interessanti e portarli da noi.

Come candidato europarlamentare del M5S mi impegno, a portare in Europa i problemi, le preoccupazioni e la voce degli italiani delle regioni meridionali, ad accendere un faro sulla gestione dei fondi europei, affinché arrivino davvero a chi ne ha bisogno: penso ai giovani disoccupati, agli agricoltori in difficoltà, all’imprenditoria giovanile, a chi vive di turismo e tutti coloro che li meritavano e non sono mai riusciti a vederne neanche l’ombra perché semplicemente non facevano parte di alcun sistema clientelistico.

Mi riterrò il “terminale di una rete”, il vostro portavoce in Parlamento. Sarò il vostro dipendente e voi i miei datori di lavoro perché questa è la mia concezione di “eletto”: non “onorevole” ma “cittadino” come scrissi già in tempi non sospetti sul mio blog.

Mi impegnerò quotidianamente per l’applicazione del programma del Movimento e, lo arricchirò con proposte come:

  • Far pagare non più ai contribuenti ma ai responsabili politici (che hanno un nome e cognome) le multe ricevute a livello europeo;
  • Penalizzare a livello economico gli europarlamentari assenteisti fino a prevedere l’espulsione per i recidivi (così come un lavoratore non può assentarsi ingiustificatamente dal suo posto di lavoro senza essere richiamato/licenziato)

Le battaglie e iniziative portate avanti in questi anni a favore dei cittadini (una su tutte, l’abolizione dei costi di ricarica dei telefonini), condotte senza alcun interesse e/o ritorno economico, ma soltanto per l’attaccamento che ho a valori come la giustizia e democrazia e sottraendo tempo al mio studio, mostrano la mia motivazione nel difendere cause meritevoli e sono la garanzia di impegno in difesa dei cittadini come rappresentante del Movimento 5 Stelle al Parlamento Europeo.

Mi impegno infine, a restituire la diaria, a favore di un fondo sociale, che sarà scelto dal portavoce del M5S al Parlamento Europeo.

Per un’Europa a 5 stelle, dei cittadini sovrani, non delle banche.

Posted in europa, politica | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Alla scoperta di Zurigo

Situata a metà strada tra BasileaLucernaZurigo è, con i suoi 400mila abitanti, la più grande città svizzera.

Il centro e la sua storia

La città è sede della rinomata Università e del Politecnico federale (ETH). E’ proprio dalla collina che li ospita, raggiungibile con una comoda funicolare, che può cominciare il tour, con il belvedere sul centro ricco di 2.000 anni di storia, il lago e le montagne circostanti.

Riscendendo in direzione del cuore della città vedrete la Chiesa dei predicatori (predigerkirche) del 13.mo secolo prima di scoprire le tipiche stradine del centro storico con le sue caratteristiche casette con giardino che vi spingeranno indietro nel tempo in un’atmosfera antica, e a questo contribuisce anche l’illuminazione pubblica, effettuata ancora con lampioni a gas.

Isola di pace durante la guerra mondiale, Zurigo è in questo periodo storico città d’asilo per moltissimi, tra artisti e politici internazionali, come ad esempio Lenin, che visse al civico 14 dellaSpiegelgasse. Non sarà un caso se proprio in questa stessa strada videro la luce il Movimento Dadaista e il Cabaret Voltaire, frequentato dallo stesso Lenin.

Scendendo verso il cuore della città non potrete non notare l’invitante vetrina piena di leccornie della pasticceria/cioccolateria Schober-Péclard delizia prima per le pupille e poi per il palato.

In direzione del fiume Limmat che attraversa la città farà capolino sulla riva destra la maestosa Chiesa Grossmunster, antico Duomo con le sue due torri gotiche, fu il punto di partenza della riforma protestante svizzera.

Testimonianza di tale periodo il monumento dedicato a Huldrych Zwingli, teologo fondatore della Chiesa riformata svizzera (con una Bibbia in una mano e una spada nell’altra).

Una volta sul lago, che abbraccia la città, potrete continuare a scoprire i dintorni salendo a bordo di uno dei classici battelli o ancora in bici, senza dubbio il mezzo più usato in città (lo testimoniano le diverse pompe per gonfiare le ruote disponibili gratuitamente).

Dopo aver attraversato il fiume farà bella mostra di se il “Frauenbad” con la sua costruzione in legno.Bagno per sole donne (ancora oggi) costruito nel 1837 sul fiume Limmat, dove le rappresentanti del gentil sesso possono prendere il sole e nuotare attraverso il centro storico con vista sulla Chiesa di Grossmünster.

Non lontano, nella stessa direzione, St Peter, la più antica parrocchia medievale con il suo enorme quadrante d’orologio (il più grande d’Europa). Continuando la passeggiata verso nord, all’altezza del ponte Munsterbrucke la Chiesa di Fraumunster,altro simbolo della città. Di epoca carolingia, tempio protestante, all’interno potrete ammirare le splendide vetrate realizzate dal pittore Marc Chagall alla veneranda età di 95 anni.

Per finire il giro in bellezza niente di meglio che la terrazza del Lindenhof, parco dove una volta sorgeva una fortezza romana dove potrete godere del magnifico panorama sul centro storico e il fiume sottostante.

Non solo Bahnofstrasse: Zurigo Ovest

Chi dice Zurigo dice Bahnofstrasse, una delle vie dello shopping più famose al mondo, dove si alternano banche con negozi di cioccolata, orologi e gioielli. La celeberrima strada del lusso ha contribuito in maniera fondamentale alla fama di Zurigo quale paradiso dello shopping e rappresenta l’indirizzo primario per gli amanti del lusso. Molti però probabilmente non sapranno che a pochi minuti in treno da questa strada esiste un quartiere totalmente alternativo: Zurigo Ovest.

Dove una volta nell’aria aleggiava fuliggine ora vi è il quartiere più mondano. Dopo la chiusura delle fabbriche, rimasero spazi enormi, oggi sapientemente sfruttati dalle menti più creative. Gli ex stabilimenti industriali sono diventati progetti di teatro e danza, atelier d’arte e di artigianato artistico, studi fotografici e uffici grafici, cinema e locali. 

Il quartiere ha iniziato a prosperare nel vero senso della parola con l’apertura, avvenuta nel 2000, dello Schiffbau (ex cantiere navale) quale centro culturale e operativo del teatro di prosa. Da allora è stato un susseguirsi di locali dagli stili diversissimi, innumerevoli ristoranti e bar, che hanno trasformato l’ex quartiere industriale nella mecca di Zurigo, metropoli di cultura e divertimento.

Gli amanti delle tendenze non possono mancare Zurigo Ovest, qui i designer sorprendono quotidianamente con nuove creazioni, attirando l’attenzione internazionale grazie alle firme della moda locale.

Un esempio è rappresentato dal marchio di culto Freitag con le sue borse create da teloni di camion riciclati. Le “leggendarie” borse si comprano in una “torre” realizzata con 17 containerarrugginiti accatastati uno sopra l’altro.

I locali del quartiere di tendenza Zurigo Ovest hanno reso la città una metropoli delle feste: qui il bar alla moda si trova di fronte al pub alternativo, dal vecchio nasce sempre qualcosa di nuovo.

Originale modo di convertire il vecchio in nuovo è stato quanto realizzato sotto gli archi dei tre viadotti del quartiere. Quello di Aussersihl: trenta negozi, bar, ristoranti e locali dei generi più vari. Il Wipkingerviadukt (dove ancora oggi transitano i treni) e il Lettenviadukt (trasformato in un passaggio per pedoni e ciclisti) ospitano inoltre un vivace mercato lungo 500 metri, con gastronomie, negozi di libri antichi, bar di tapas, gallerie, e laboratori artistici.

Una città per tutti i gusti

Zurigo ha tantissimo da offrire: un ricco panorama culturale con più di 50 musei e oltre 100 gallerie, così come una pulsante vita notturna. Con il lago, gli ampi boschi e le colline, è la città perfetta anche per chi è alla ricerca di puro relax.

CURIOSITA’: Zurigo è risultata la seconda città più vivibile al mondo secondo la classifica pubblicata quest’anno da Mercer.

DOVE MANGIARELoft five: situato sulla Europaallee, zona in piena trasformazione accanto alla stazione ferroviaria, è un locale moderno ispirato ai cinque elementi con cinque diverse tematiche che formano un unico ambiente. Degno di nota il tavolo Kauri con i suoi 30.240 anni.

COME ARRIVARE: ogni giorno partono diversi Eurocity che collegano direttamente Milano e Zurigo in poco più di tre ore. Con lo swiss pass è possibile viaggiare su tutta la rete svizzera e concedervi inoltre l’ingresso gratuito in quasi tutti i musei della confederazione.

GUARDA TUTTE LE FOTO DI ZURIGO

Dal mio blog sul Fatto Quotidiano

Posted in svizzera, viaggi | Tagged , , , , , , | Leave a comment